Download pdf

Scarica il documento:
Indice cronologico delle note informative 2016

Indice cronologico delle note informative 2016 con i relativi abstracts

1/16

LEGGE DI STABILITA’: LE MISURE PER L’EDILIZIA

Numerosi, anche se disorganici, gli interventi della legge di stabilità a favore del settore edile: incentivazione delle compravendite di immobili residenziali (detrazione frazionata dell’Irpef pari al 50% dell’iva sugli acquisti, nuova disciplina degli acquisti mediante leasing, maggiore flessibilità per usufruire dell’aliquota agevolata per la prima casa), alleggerimento dell’IMU (per le case in comodato ai parenti e per quelle locate a canone concordato) e della TASI (aliquota ridotta per gli immobili merce), eliminazione della rendita catastale per i c.d. imbullonati, proroga delle detrazioni per il risparmio energetico e le ristrutturazioni.

2/16

LA RIFORMA DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE FISCALI

Dal 1° gennaio 2016 si applicano le nuove sanzioni amministrative fiscali con percentuali generalmente più miti, proporzionate alla gravità dei comportamenti e al danno recato all’Erario, ma con maggiore severità nei confronti delle condotte evasive caratterizzate da intento fraudolento.

3/16

NOVITA’ IN TEMA DI REATI TRIBUTARI E SANZIONI PENALI

Il decreto legislativo n. 158/2015 ha introdotto, a partire dal 22 ottobre 2015, modifiche al regime penale tributario, prevendendo soglie più alte per la dichiarazione infedele o omessa e gli omessi versamenti, depenalizzazione dei costi meramente indeducibili o non inerenti ma esistenti, il nuovo delitto di omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta, pene più elevate per la compensazione di crediti inesistenti, la non punibilità per alcuni reati se il debito tributario viene estinto prima dell’apertura del dibattimento.

4/16

L’ASSEGNAZIONE AGEVOLATA DEI BENI AI SOCI E LA TRASFORMAZIONE IN SOCIETÀ SEMPLICE

La legge di stabilità 2016 riapre le agevolazioni per l’assegnazione o la cessione agevolata dei beni ai soci, nonché per la trasformazione di società commerciali in società semplici, con un’imposizione ridotta ai fini delle imposte sui redditi e delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, ma non ai fini iva.

5/16

UNA NUOVA E TEMPORANEA AGEVOLAZIONE SUGLI INVESTIMENTI

La legge di stabilità 2016 prevede che, per il calcolo degli ammortamenti e dei canoni di leasing deducibili ai fini delle imposte sui redditi, il costo dei beni strumentali nuovi acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016 è maggiorato del 40%.

6/16

RIAPERTI I TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI E DEI TERRENI DETENUTI DA PERSONE FISICHE 

Le persone fisiche possono rideterminare il costo fiscale delle partecipazioni e dei terreni detenuti al 1° gennaio 2016 mediante una perizia di stima e versamento di un’imposta sostitutiva dell’8%. 

7/16 NUOVO LIMITE A 3.000 EURO PER LE OPERAZIONI IN CONTANTI LECITE
8/16

RIVOLUZIONATA LA DISCIPLINA DELLE SOCIETA’ ESTERE CONTROLLATE (C.D. CFC) 

La legge di stabilità introduce significative novità in tema di fiscalità delle controlled foreign companies: ai fini dell’identificazione di un Paese a fiscalità privilegiata viene meno il richiamo alla black list e si fa riferimento ad un livello di tassazione nominale inferiore al 50% di quello applicato in Italia.

9/16

I DIVIDENDI ESTERI A SEGUITO DELLE NOVITA’ IN TEMA DI REGIMI A FISCALITA’ PRIVILEGIATA E L’ABOLIZIONE DEI COSTI BLACK LIST. 

La nuova nozione di regimi fiscali privilegiati genera effetti non solo sulla normativa delle controlled foreign companies, ma anche sui dividendi esteri. Viene abolito il regime speciale di deducibilità dei costi derivanti da operazioni con Paesi a fiscalità privilegiata che diventano pertanto deducibili secondo le regole ordinarie.

10/16

LE NOVITÀ PER IL BILANCIO D’ESERCIZIO DAL 1° GENNAIO 2016. 

La riforma del bilancio d’esercizio dal 1° gennaio 2016 allinea le norme ai principi contabili internazionali con effetti non solo contabili ma anche sui sistemi informativi e sui processi aziendali.

11/16

SANZIONI TRIBUTARIE. Riduzione nei giudizi pendenti al 1° gennaio 2016 a seguito di semplice istanza (D. lgs 158/2015). 

Basta una semplice istanza per ottenere la riduzione, sia pur modesta, delle sanzioni allorché su di esse non sia stata ancora emessa una sentenza non più impugnabile. 

12/16

AGGIORNATO L’ELENCO DEI PAESI COLLABORATIVI 

Il D.M. 9 agosto 2016 ha aggiornato la white list dei Paesi con cui è attuabile lo scambio di informazioni ai fini fiscali con benefici soprattutto per i rendimenti finanziari e per il monitoraggio fiscale.

13/16

L’AGENZIA CHIARISCE I DUBBI SUL RAVVEDIMENTO OPEROSO 

La circolare 42 del 12 ottobre dell’Agenzia delle entrate fornisce alcuni chiarimenti sul ravvedimento operoso che, per effetto delle modifiche introdotte dalla legge di stabilità 2015, può ora avvenire senza limiti temporali, diminuendo la riduzione della sanzione in funzione della tardività della regolarizzazione, eseguibile non oltre la notifica dell’atto impositivo.

14/16

BILANCI 2016: ELIMINAZIONE DELL’AREA STRAORDINARIA 

Il D.L. n. 139/2015 ha modificato gli schemi di stato patrimoniale e di conto economico, nell’ambito del quale assume particolare rilevanza l’eliminazione della sezione straordinaria su cui si sofferma la bozza del nuovo principio contabile OIC 12.

15/16

DISEGNO DI LEGGE DI BILANCIO 2017: AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE 

Il disegno di legge di bilancio 2017 prevede numerose misure dirette ad agevolare gli investimenti delle imprese, prorogando il super ammortamento del 140%, introducendo l’iper ammortamento del 250% per gli investimenti altamente innovativi e potenziando il credito d’imposta per la ricerca e sviluppo e per gli investimenti in imprese start-up innovative.

16/16

LA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO 

Con il D.L. 193/2016 il Governo offre ai contribuenti che non hanno pagato cartelle di pagamento affidate dall’ente impositore all’agente della riscossione dal 2000 al 2015 la possibilità di pagarle in una o al massimo 4 rate scadenti entro il 15.3.2018 con abbuono di tutte le sanzioni, di interessi di mora ed interessi per dilazione di pagamento.

17/16

CESSIONE DI QUOTE RAPPRESENTANTI L’INTERO CAPITALE SOCIALE O CESSIONE DI AZIENDA? 

La prassi di alcune agenzie delle entrate è quella di assoggettare all’imposta di registro del 3% il valore effettivo dell’azienda posseduta da una società quando di essa si cedono tutte le quote o azioni: si prospetta nella nota argomentazioni e condotte che contrastano l’errata tesi del Fisco.

18/16

LA NUOVA DICHIARAZIONE DI INTENTO 

Approvato il nuovo modello di dichiarazione di intento da utilizzare per le operazioni effettuate dal 1° marzo 2017.

19/16

I NUOVI ADEMPIMENTI TRIMESTRALI PER I SOGGETTI IVA: LA LOTTA ALL’EVASIONE ALLONTANA LA SEMPLIFICAZIONE. 

Il decreto collegato alla legge di bilancio 2017 (D.L. 193/2016) introduce due nuovi adempimenti trimestrali: la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (in sostituzione dello spesometro) e delle liquidazioni periodiche iva. Contestualmente sono aboliti l’inutile comunicazione delle operazioni con operatori black list e gli intra acquisti beni e servizi, che sono un unicum in Europa. I nuovi adempimenti non solo disattendono le numerose e continue promesse di semplificazione, ma contribuiscono a complicare ulteriormente il funzionamento del nostro sistema fiscale.

20/16

LA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO 

Con il D.L. 193/2016, convertito il 1° dicembre 2016 nella L. 225/2016, i contribuenti che non hanno pagato debiti tributari e previdenziali, il cui incasso è stato affidato dagli enti impositori agli agenti della riscossione dal 2000 al 2016, possono definirli in misura agevolata, ovvero pagandoli in una o al massimo 5 rate, scadenti dal 31.7.2017 al 30.9.2018 con abbuono di tutte le sanzioni, di interessi di mora ed interessi per dilazione di pagamento.

21/16

FINANZIAMENTI BANCARI CON GARANZIA IN CASO DI INADEMPIMENTO

Nato per maggiore tutela delle banche finanziatrici, il cosiddetto patto marciano agevola il finanziamento alle imprese, offrendo alla banca il trasferimento di un immobile dell’imprenditore o di un terzo, condizionato all’inadempimento del debitore protrattosi per circa 15 mesi.